FORD.
FERRARI.

GOODYEAR.

La straordinaria storia di Le Mans 66

Quando Bruce McLaren e Chris Amon conquistarono la vittoria alla 24 Ore di Le Mans del 1966, Ford non fu l'unica azienda americana a lasciare il segno sulla scena mondiale. La famosa GT40 Mark II nera aveva iniziato la gara su gomma dal grande rivale dell'azienda nelle cosiddette guerre di pneumatici, Firestone, ma sono stati i pneumatici Goodyear a vincere la bandiera a scacchi.

L'INIZIO DI UN SOGNO
1959–1964


Le stelle dello spettacolare trionfo di Ford sulla Ferrari iniziarono ad allinearsi nel 1959.

Quando un problema al cuore ha interrotto prematuramente la carriera di pilota dell'ex vincitore di Le Mans, Carroll Shelby, ha rivolto la sua attenzione alla conquista dei diritti di distribuzione per i pneumatici da corsa Goodyear negli Stati Uniti occidentali.

Doveva essere l'inizio di una partnership di corse di successo che ha spinto la squadra americana di Shelby sulla scena internazionale e ha portato allo sviluppo dell'iconica Cobra e Shelby Mustang.

Nel 1963, quando le trattative per l'acquisto della Ferrari si conclusero con un fallimento, Ford decise di battere gli italiani in pista. Per accelerare il programma Racing di Ford, Ford ha arruolato l'aiuto di un team di designer selezionati, tra cui Carrol Shelby. 


È stato il pedigree da corsa di Shelby che ha portato Goodyear a finanziare la creazione della prima Daytona Coupe basata su Cobra, progettata da Peter Brock. Questa elegante vettura da corsa, con la sua aerodinamica pionieristica, ha continuato a fare l'impossibile e ha battuto le Ferrari 250 GTO a un Vittoria nella classe GT, finendo quarto assoluto a Le Mans nel 1964. Tuttavia, il meglio doveva ancora venire.

Con Shelby finalmente al volante del programma GT40 di Ford, l'auto iconica iniziò rapidamente a prendere slancio. Tuttavia, doveva essere un inizio infausto. Nel 1964, nessuna delle tanto decantate nuove Ford terminò Le Mans, o qualsiasi altra gara.

Come ha notato con orgoglio Shelby, tuttavia, sono riusciti a incutere paura a Enzo Ferrari, raggiungendo le 218 miglia orarie sul famoso rettilineo di Mulsanne.

Il 1965 è stata una storia simile, con la Ferrari che ha conquistato ancora una volta il podio di Le Mans e nessuna GT40 ha tagliato il traguardo. Il 1965 fu anche l'anno in cui la Ferrari 250 LM del North American Racing Team (NART), guidata da Masten Gregory e Jochen Rindt, diede inaspettatamente a Goodyear la sua prima vittoria assoluta nella 24 Ore. 


1966 –  UNA RIVOLUZIONE A LE MANS


Con l'avvicinarsi di Le Mans, la Ferrari è rimasta chiaramente la favorita. Ford, tuttavia, era determinata a lasciare il segno, iscrivendo in gara otto GT40 Mark II da 7 litri (427ci).

Sorprendentemente, nonostante la relazione di Shelby con Goodyear, i pneumatici Wingfoot non erano montati su tutte le auto. All'epoca, i contratti sugli pneumatici venivano spesso concordati con i singoli piloti piuttosto che con interi team. E i piloti della vettura nera n. 2, Bruce McLaren e Chris Amon, erano entrambi sotto contratto con la Firestone.

Alle 16:00, la gara è iniziata in condizioni di umidità ed è diventato subito evidente che le Goodyear erano più adatte al bagnato rispetto alle Firestone. Mentre due delle vetture Shelby – la #1 di Ken Miles/Denny Hulme e la #3 di Dan Gurney/Jerry Grant – erano contente delle loro gomme, Mclaren ha scoperto che stava perdendo pezzi di battistrada sulla Mulsanne a più di 210 mph.

Quando Mclaren si è fermato per consegnare Amon alle 17:33, ha immediatamente cercato il rappresentante della Firestone e ha negoziato un passaggio a Goodyear.

Questa mossa calcolata ha contribuito a un deficit che sarebbe stato cancellato solo quando Miles nella #1 ha rallentato per consentire alla McLaren di recuperare il controverso traguardo.

Il ritardo ha anche portato al famoso grido di guerra della McLaren, Vai come l'inferno!", mentre Amon si preparava a lasciare i box. Con Ford e Ferrari testa a testa, la gara si è ristretta a un duello tra la GT40 di Miles e la Ferrari 330P3 sulla Mulsanne.


Mentre la Ferrari lottava per competere con la velocità in rettilineo della GT40, il motore di Bandini è esploso. E il resto è storia automobilistica.

All'incirca alle 16:00 del giorno successivo, le Ford n. 2, n. 1 e n. 5 sopravvissute si sono messe in fila per un finale di scena.

È interessante notare che, mentre il controverso pari merito tra le due macchine Shelby continua ad essere dibattuto fino ad oggi, la storia registra che McLaren e Amon hanno ottenuto la vittoria in base al fatto di essere partiti più indietro e quindi di aver percorso una distanza maggiore nello stesso tempo. Senza il passaggio anticipato a Goodyear, molti credono che non sarebbero stati in lizza. 

1967 – ONWARDS

UN'EREDITÀ DA GARA

PRENDE VELOCITÀ

Shelby, Ford e Goodyear tornarono a Le Mans nel 1967 registrando una seconda vittoria consecutiva con la Mark IV (e la terza di Goodyear). Negli anni successivi, Goodyear avrebbe ottenuto un totale di 14 vittorie alla 24 Ore di Le Mans.

Negli ultimi anni, Goodyear ha sviluppato una nuova gamma di pneumatici per il FIA World Endurance Championship (WEC), inclusa la 24 Ore di Le Mans.

Nel settembre 2020 Goodyear ha anche aiutato la squadra britannica JOTA e la squadra francese Panis Racing ad assicurarsi un podio nella categoria LMP2. 

INFORMAZIONI


SERIE DA COMPETIZIONE