Facciamo uso di cookies per l'ottimizzazione del design e delle prestazioni del nostro sito web. Proseguendo sul nostro sito lei acconsente all'utilizzo dei cookies. Qui trova informazioni dettagliate sui nostri cookies e sull'uso che ne facciamo.

BRABHAM

"UN RISULTATO CHE NON SI RIPETERÀ MAI"

DAMON HILL 

JACK BRABHAM È STATO IL PRIMO E UNICO UOMO A VINCERE UN CAMPIONATO DEL MONDO DI FORMULA UNO CON LA SUA AUTO DA CORSA. E L'HA FATTO CON GOMME GOODYEAR.

Goodyear and Brabham

CELEBRARE UNA PARTNERSHIP

ICONICA DEL MOTORSPORT

Durante una partnership da record che ha ridefinito la Formula 1, Brabham e Goodyear hanno vinto insieme 26 Gran Premi. Dopo un intervallo di quasi tre decenni, il nome Brabham è tornato nel 2018, con goodyear che ancora una volta ha fornito la gomma per la loro nuova supercar BT62.

Per celebrare il ritorno di questa leggendaria partnership, abbiamo creato una serie di documentari che guardano Il loro passato, presente e futuro. Girati nello straordinario circuito di Trac Mon ad Anglesey, i film mostrano il meglio della moderna esperienza ingegneristica, il peggio del clima gallese e due marchi che semplicemente prosperano spingendo i confini di ciò che è possibile su quattro ruote.

 

Con i contributi di Damon Hill, David Brabham e il team motorsport di Goodyear, questo è uno sguardo appropriato a due iconici marchi di corse e uno sguardo affascinante su ciò che riserva il futuro per Goodyear e Brabham.

Brabham BT62R - Ep 1: L'apice della performance

Brabham BT62R Ep 2: La partnership perfetta

Brabham BT62R Ep 3: La strada a seguire

Brabham. Goodyear 

A partnership that continues to lead the way. 

Brabham won the race – and his third World Championship title, with a less powerful engine. A true driving legend. 

In 2019, Goodyear and Brabham Automotive reignited the winning partnership that began in 1965. Spearheading the return of the Brabham and Goodyear story is the Brabham BT62. This unrestricted, thoroughbred track car is limited to a production run of just 70 vehicles. Weighing in at 972kg (dry) and with 700bhp from its 5.4-liter V8 engine, it has already shattered GT3-class lap records.  

Just as it did in the 1960s, sportscar racing today provides a strong platform to demonstrate tyre technologies on a wide range of different prototype and GT cars.  

Goodyear’s motorsport-derived tyre development program remains a critical component in helping Brabham achieve its ambitions on, and off the track. 

“The balance between the tyre, the car and the driver was exactly what we needed. And we went to Brands Hatch and we won.”

DAVID BRABHAM

All'età di 40 anni, ha assaporato la sfida di diventare il più anziano campione del mondo di Formula 1.  

Brabham ha fatto il suo debutto in Formula 1 per la Cooper Car Company al Gran Premio di Gran Bretagna nel 1955. 

Un abile meccanico e un pilota feroce, Brabham ha lavorato con Cooper per adattare l'auto al suo stile di gara d'attacco. Questa configurazione ibrida meccanico/pilota lo vedeva spesso lavorare sulla sua auto nelle prime ore prima del giorno della gara.

In uno sport elitario, l'esperienza tecnica di Brabham e lo spirito da rimboccarsi le maniche gli hanno permesso di farsi un nome, sia come pilota che come potenziale costruttore.

Brabham ha continuato a vincere il campionato del mondo di Formula 1 con Cooper nel 1959 e nel 1960. Nel 1962, ha lasciato Cooper per guidare per la sua squadra: la Brabham Racing Organisation.

Dopo aver vinto due campionati del mondo di Formula 1, la moglie di Brabham lo incoraggiò a ritirarsi dalle corse dopo la stagione 1965.

La sua squadra non aveva bisogno di lui nell'abitacolo. Non valeva la pena rischiare: la Formula 1 era uno sport pericoloso.

Tuttavia, la stagione 1966 avrebbe cambiato tutto. Mentre altri team stavano sperimentando i nuovi V12 da 3,0 litri, Brabham ha giocato sul sicuro. Sapeva che un motore V8, realizzato con parti esistenti, avrebbe dato alle vetture del suo team meno potenza, ma un vantaggio in termini di affidabilità. Eccitato dalla prospettiva di questa battaglia V8-V12 e lottando per trovare piloti competitivi per il suo omonimo team, Brabham si è ritrovato al volante ancora una volta, correndo con pneumatici Goodyear.

All'età di 40 anni, ha assaporato la sfida di diventare il più anziano campione del mondo di Formula 1.  

I media all'epoca erano ossessionati dalla sua età e dalle sue ambizioni. In una mossa insolita al Gran Premio d'Olanda, mentre altri piloti correvano verso le loro auto per iniziare la gara, Brabham ha preso in giro i media. Ha deriso i suoi anni avanzati e ha zoppicato alla sua macchina con un bastone mentre indossava una barba finta per il massimo effetto. Ma ha anche preso in giro i suoi critici.

INFORMAZIONI


SERIE DA COMPETIZIONE